La Vittoria Alata: 2000 anni di puro splendore

La Vittoria Alata: la grande statua bronzea del I sec. d.C. racconta la sua storia. Dal suo arrivo nella Brixia romana, alla scoperta dopo un oblio millenario e oggi il suo ritorno dopo il complesso restauro di due anni. Brescia Musei oggi, restituisce alla città e a tutti i viaggiatori il suo simbolo più prezioso in uno spettacolare allestimento dove passato e presente dialogano costruendo una nuova storia.

Credits: Archivio fotografico Musei di Brescia ©Alessandra Chemollo

 

Info e prenotazioni

Descrizione

visita guidata alla statua bronzea del I secolo d.C.

Tornata a Brescia a ottobre 2020, la Vittoria Alataoggi, è visibile al pubblico nella cella orientale del Tempio Capitolino immersa nello splendido allestimento dall’architetto basco Juan Navarro Baldeweg.

Dopo un restauro di circa due anni presso l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, la grande statua bronzea – alta ben mt 1.95, si mostra ai nostri occhi in tutta la sua bellezza e maestosità, svelando dettagli mai visti in tempi moderni.

il Tempio Capitolino. In un intercapedine fra le sue mura e il pendio del colle ha riposato, nascosta per secoli, la Vittoria Alata

 

Emersa dalle profondità della terra dopo un sonno millenario, è in una sera d’estate del 1826 che la Vittoria Alata tornerà alla luce, diventando immediatamente simbolo della città di Brescia.

Oggi la visita guidata al Parco Archeologico di Brescia, parte del sito patrimonio UNESCO cittadino, prevede un viaggio davvero unico nella storia dell’arte.

gli affreschi della IV cella sono così vivi perché stata usata nel I sec. a.C. anche la cera d’api

 

Si inizia  dalla splendida quarta cella del primo tempio di epoca repubblicana del I sec. a.C., nascosta sottoterra, mirabilmente restaurata dove si ammirano degli affreschi bellissimi. Si passa al grandioso tempio capitolino costruito da Vespasiano, fino alla cella orientale dov’è custodita la Vittoria. Il percorso si conclude con una visita al teatro, progettato per ospitare fino a 15000 persone.

Perché la storia di Roma indiscutibilmente passa anche da Brescia.

Il viaggio alla conoscenza della Vittoria Alata sarà un’esplorazione anche in luoghi inaspettati. Ricco di curiosità: dalle scoperte emerse dopo il restauro, fino all’utilizzo dell’ingegneristica aereo-spaziale per la progettazione dei nuovi supporti interni.

Durata: h. 2.00 circa

Pensata per: tutti, nessuno escluso. Per i più piccoli e famiglie ci sono però itinerari dedicati.

Quando si può fare: sempre, senza ombrello viene meglio! In questo momento i musei sono chiusi in ottemperanza al DPCM del 3 novembre 2020.

Come si potrà fare: con tutte le misure di sicurezza necessarie, quando i musei riapriranno. Il numero di partecipanti sarà limitato, così come la durata della visita negli spazi al chiuso. La prenotazione sarà necessaria. Ma nulla toglie che l’esperienza sarà bellissima, anzi a piccoli gruppi, con la Vittoria solo per noi!

Posso aggiungere qualcosa alla visita per approfondire: si. Con un biglietto integrato si può aggiungere la visita al Museo di Santa Giulia dove ti aspettano anche le bellissime domus romane, o possiamo fare un viaggio al centro della terra per scoprire com’erano fatte le terme altro importante tassello della vita romana e una passeggiata per le vie di Brescia per cercare le tracce di Brixia romana.

Vorrei saperne di più.

Controlla qui, magari questa visita è già in calendario.

Prenota la visita


Questo sito è protetto dal sistema reCAPTCHA e segue la Privacy Policy e i Termini di Servizio di Google.